Neve... perchè?

     

Neve, perchè sei così bella?

Perchè scendi lieve e gioiosa

volteggiando come in una danza?

Tu lo sai, quanto ti ho amata,

quante volte ho scrutato il cielo

ansiosa di vedere i tuoi fiocchi

sfuggire da quelle nuvole grigie,

liberi, finalmente...

 

E allora perchè?

Perchè beffarda sei arrivata proprio ora,

che il mio cuore è rotto, ora,

che il mio animo è lacerato, ora,

che non posso gioire di te?

 

Oh, se tu fossi venuta prima,

avrei sceso le scale correndo

incontro a te,

avrei percorso le strade saltando

felice di esserti accanto

e avrei lasciato che i tuoi dolci fiocchi

mi baciassero il viso,

che riempissero i palmi delle mie mani,

mi sarei lasciata coprire da te

come di un manto di calore

e di emozione e di intima dolcezza...

 

Ma ora, neve, perchè?

Ora non ne ho la forza

e così sto qui,

davanti alla mia finestra,

immobile,

a guardarti scendere leggiadra e vanitosa,

crei quasi dei mulinelli nell'aria

per attirare l'attenzione su di te...

 

Crudele! ma non ti curi del mio dolore?

Sei arrivata in ritardo neve

e io oggi non posso accoglierti

tra le mie braccia,

e tu, nemmeno tu, riesci a darmi gioia.

E allora neve, perchè?

Perchè, perchè?

 

      © Dolceluna

Milano, 26 gennaio 2004

    

 

Migliori Siti